Federazione delle Cooperative di Ravenna | Il programma del 4 agosto 2019
16504
page-template-default,page,page-id-16504,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 

Il programma del 4 agosto 2019

La “trafila garibaldina”  è stata una lunga serie di  difficoltà che i patrioti ravennati e del basso ferrarese dovettero affrontare per sottrarre Giuseppe Garibaldi all’inseguimento dagli Austriaci.
Gli uomini della trafila garibaldina  operarono senza alcuna ricompensa per proteggere ed evitare la cattura del Generale, sua moglie Anita, il maggiore “Leggero” ed altri patrioti al seguito.

Domenica 4 agosto, un programma particolarmente toccante e significativo per commemorare Anita Garibaldi, in occasione del suo anniversario di morte e del 170° della Trafila Garibaldina.

PROGRAMMA

L’evento avrà inizio alle ore 18 e sarà introdotto dal vicesindaco Eugenio Fusignani e da Lorenzo Cottignoli, presidente della Federazione delle cooperative della provincia di Ravenna, che presenteranno un breve documentario di fotografie storiche legate alla fuga da Roma verso Ravenna nell’estate del 1849 (video realizzato grazie alla collaborazione con l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano di Roma).
Alle 18.30 presentazione di Fulvia Missiroli del libro Storia e mito di Anita Garibaldi alla presenza dell’autrice Silvia Cavicchioli.
Seguirà alle 19.30 una cerimonia in ricordo della morte di Anita che vedrà coinvolti il gruppo storico dei garibaldini, coordinati da Pietro Compagni e la banda musicale Città di Ravenna.
Alle ore 21 Lucia Vasini interpreterà Anita Donna dei Due Mondi, accompagnata dalla fisarmonica di Luciano Titi.

Dalle ore 20 apertura dello stand gastronomico.

LA FATTORIA GUICCIOLI

Famosa per aver dato rifugio a Garibaldi e a sua moglie Anita, in fuga dopo la caduta della Repubblica Romana nel 1849, oggi ospita una moderna esposizione di cimeli e ricordi legati alla Trafila Garibaldina in terra di Romagna, tra cui il Cippo di Anita che si erge in ricordo dell’eroina, spirata in questo luogo il 4 agosto,  presso la Landa della Pastorara ad alcune centinaia di metri dall’edificio.

 

Guarda la conferenza stampa di presentazione